Domenica 10 Aprile Ferrata sul Garda

10.04.2016 00:00

Ferrata sul Garda 10 Aprile 2016

 Accompagnatore: Magnani Paolo  333-4561435

  

RITROVO:  ore 6.30 presso il Tenni  Club  Scandiano

 PARTENZA : ore  7 con mezzi propri alla volta di  Dro (L. di Garda)

PERCORSO: Ferrata Sallagoni adatta a principianti adulti con una certa preparazione  atletica. - Ferrata
Colodri  senza difficoltà adatta a principianti

PRANZO: al sacco

ABBIGLIAMENTO: normale  da montagna + attrezzatura per ferrata


ISCRIZIONI e INFO:  sede C.A.I. tutti  i venerdì dalle 21 alle 22.30  

Magnani Paolo:  333-4561435 / cai42019@gmail.com


NB: La partecipazione comporta la  conoscenza integrale e l'accettazione del presente

programma e del Regolamento Sezionale disponibile sul sito www.caireggioemilia.it



Programma 

 (Potrebbe subire Variazioni)



   

FERRATA  SALLAGONI


 Poco a sud del castello di Drena, una profonda forra scavata
nella roccia dal rio Sallagoni precipita a fondovalle. In questo

sorprendente ambiente si sviluppa il percorso
attrezzato con cordini e numerose staffe infisse nella roccia. L'ambiente
ricorda, sia pure in scala più ridotta, i canyon di S. Giustina in Val di Non.
L'itinerario si insinua tra le ripide, lisce e sinuose pareti rocciose di una
stretta gola, sul cui fondo scorre il Rio Sallagoni che scorre rumorosamente.
Dopo un tratto iniziale di decisa salita, il percorso si sviluppa in
orizzontale tra strette anse rocciose, grazie a numerose staffe e cordini di
sicurezza posizionate a mezza altezza (non più di 10 metri dal fondo del
canyon). Nella parte alta del percorso il canyon sorprendentemente si apre in
una gola selvaggia con lussureggiante vegetazione: qui si attraversa un ponte
tibetano sopra ad una cascata, quindi per facile sentiero si arriva poco sotto
al Castello di Drena. Un comodo sentiero di rientro permette il ritorno al
parcheggio.



FERRATA  COLODRI


Un bellissimo percorso che
porta tra le più note pareti di Arco fino alla cima del monte Colodri, ideale
per principianti e per le famiglie. Arrivati in cima sarete sorpresi dal
meraviglioso panorama sul lago di Garda. Originariamente questo sentiero
attrezzato serviva agli arrampicatori per scendere una volta raggiunta la
sommità delle vie sottostanti. Adesso la discesa passa tra l'olivaia ed una
vecchia Via Crucis.